Contenuto principale

E' richiesta la verifica del peso container.

Dal 1 Luglio 206 si richiede che il container abbia un peso verificato. Il responsabile della verifica del peso del container è lo shipper, o chi per esso (spedizioniere). L'Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) ha recentemente modificato la Convenzione SOLAS per la salvaguardia della vita in mare. Dal 1 Luglio 2016 caricare un container confezionato su una nave senza che l ‘operatore della nave e l’operatore del terminale marittimo abbiano un peso verificato del container sara’una violazione della Convenzione e pertanto il container non verrà imbarcato. 

  - metodo 1 : pesatura effettiva del container carico e sigillato mediante strumentazioni certificate e calibrate ( processo esterno ).
  - metodo 2 : processo di calcolo diviso in cinque fasi, ottenuto addizionando la somma dei pesi stimati delle singole componenti del carico
    (inclusi imballaggi, pallets, materiale di fissaggio) al peso della tara del container ( processo interno).
 

 Un estratto del decreto:  www.ciscoconsultant.it/wp-content/uploads/2016/05/Decreto-VGF-+-allegato-1-2.pdf


-> dichiarazione VGM (pdf) 

-> dichiarazione VGM (xls) [editabile]

 

La Banca Centrale egiziana ha rafforzato la regolamentazione sulle importazioni a partire da gennaio 2016.
Gli importatori dovranno fornire depositi in contante pari al 100% delle lettere di credito, mentre in precedenza veniva richiesto il 50% .  Inoltre, per le operazioni di importazione che richiedono la raccolta di documenti, le banche locali sono tenute ad ottenere i documenti d'importazione non più dai loro clienti come era in precedenza, ma direttamente dalle banche estere. Questa regola si propone di fermare qualsiasi manipolazione delle entrate da parte degli importatori, ma può ritardare i pagamenti.
Solo i prodotti medico ed alimentare sono esentati dalle nuove limitazioni.

Fonte Reuters  http://www.reuters.com/article/egypt-impoùrts-idUSL8 N14B1P720151222 

www.credimpex.it/InPrimoPiano/Show/Egitto--limitazioni-nelle-importazioni-anche-mediante-lettere-di-credito

 

Il nuovo obbligo imposto dal Ministero della Finanza libico per tutte le spedizioni da e per la Libia.

Per tutte le future esportazioni (b/l datate successivamente al primo ottobre), vogliate indicare anche il numero di ECTN insieme alle istruzioni polizza.


 

By signing the contract with Antaser International Group, the Minister of Finance and the director of Customs of the State of Libya assigned the issuance and management of the ECTN for Libya to the Antaser International Group.

For all shipments to and from Libya (all cargo in transit included), the shipper or his forwarder are required to issue an ECTN in the port of loading and submit it to Antaser for validation.
Each Bill of Lading must be covered by at least one ECTN and its unique number needs to be inserted in the Bill of Lading and Cargo Manifest under penalty of fines for the shipping line.

 The ECTN must be issued and validated at the loading port and are elemental for the import custom clearance upon arrival.
Cargoes not covered by a valid ECTN will not be cleared through the local Customs until presentation of the final ECTN and appropriate fines will be charged.

 This new regulation takes effect as from October 1st 2015(date of Bill of Lading).
 
Shippers/forwarders are requested to register at the Antaser website 
www.antaser.com or to use their existing username and password for their Antaser log in to start issuing ECTN’s for Libya.
 
For any further information, kindly
contact us at +39 0733 645757 or info@tecsuisse.com.

Tutti i beni e servizi importati in Libia richiederanno il Certificato d'Ispezione.

Dal 10 maggio 2015, dopo la pubblicazione di una risoluzione da parte del Governatore della Banca Centrale della Libia, tutti i beni ed i servizi importati in Libia richiederanno un certificato di ispezione.
La Circular 96 stabilisce che l'unico strumento di pagamento accettato per tutte le merci importate è la Letter of Credit e, legato ad essa, un Certificato di Ispezione emesso da un Organismo di Ispezione internazionale.

Ulteriori informazioni sono reperibili tramite le principali agenzie internazionali di ispezione.

Fonte: Credimpex

 

Ai Sig.ri esportatori di prodotti alimentari refrigerati in Arabia Saudita:

preghiamo voler porre la massima attenzione alla circolare dell’ Autorità Portuale di Jeddah circa la ridotta franchigia per i contenitori Reefers:

 

Leggi tutto: Reefer Cargo & Foodstuff for Jeddah

Dal 01 luglio 2007, con l’entrata in vigore del Regolamento CE n. 1875 del 2006  l’avvio del sistema AES (Automated Export System), la prova dell’esportazione delle merci è costituita non più dal “visto uscire” sull’esemplare 3 del DAU, ma da un messaggio elettronico che la “dogana di uscita” (ultima dogana comunitaria) trasmette alla “dogana di esportazione” (ufficio doganale nazionale), quando il vettore vi si presenta, consegnando il DAE / MRN, per lasciare il territorio doganale comunitario.

 

Leggi tutto: La prova dell’uscita della merce: attenzione all’ex works!